Quantcast

Gal Garda Valsabbia, opportunità per le imprese giovanili

Lavorare insieme, confrontarsi, creare delle opportunità e innovare sono solo alcuni dei temi sviluppati lunedì sera a Villa Galnica, a Puegnago del Garda. Un florido momento di incontro e di ascolto, durante il quale imprenditori e amministratori locali hanno potuto scoprire, in anteprima, le nuove opportunità di finanziamento per i giovani erogate dal Gal e ascoltare le positive esperienze vissute delle imprese vincitrici del bando realizzato in collaborazione tra Gal Garda Valsabbia e La Cassa Rurale.
La serata si è aperta con i saluti istituzionale da parte del presidente del Gal, Tiziano Pavoni, e dei presidenti delle Comunità Montane Valle Sabbia e Parco Alto Garda. Giovanmaria Flocchini e Davide Pace hanno sottolineato l’importanza di sostenere l’avvio di nuova imprenditorialità e aiutare quindi i giovani a rimanere nel proprio territorio. Ospite della serata anche la presidente de La Cassa Rurale, Monia Bonenti, che ha rimarcato l’importanza della collaborazione tra enti al fine
di rafforzare l’azione di sostegno al territorio.

La parola è poi passata a Giulia Lazzarini, animatrice del G al Gardavalsabbia2020, che ha introdotto e presentato in anteprima i due prossimi bandi in uscita che avranno come focus, in linea con la strategia che il Gal adotterà per la prossima programmazione, il tema del lavoro e dell’innovazione delle attività economiche locali. Il primo bando, Operazione 6.2.01 “Incentivi per il rafforzamento delle filiere nelle zone svantaggiate e non svantaggiate da parte di giovani imprenditori” punta a sostenere l’avvio di nuove attività economiche di tipo non agricolo per giovani dai 18 e i 35 anni, mentre il secondo, Operazione 6.4.03 “Creazione e sviluppo di attività extra agricole nelle aree rurali”, ha l’obiettivo di sostenere investimenti in attività economiche nel contesto montano. Al fine di approfondire e chiarire le modalità di partecipazione, il Gal organizzerà degli incontri ad hoc aperti agli interessati tra dicembre e gennaio.

Al termine della presentazione dei nuovi bandi, sono salite sul palco le cinque imprese vincitrici del bando, pubblicato quest’estate dal Gal in collaborazione con La Cassa Rurale, “Incentivi per sostenere scambi di esperienze tra micro e piccole imprese”, il quale ha finanziato cinque borse di studio per permettere alle imprese di compiere dei viaggi aziendali e andare a visitare altre aziende sul territorio nazionale e internazionale. Per partecipare al bando, le imprese hanno dovuto presentare un documento che spiegasse il motivo profondo della visita e i possibili benefici che questa avrebbe portato nella propria realtà. Tutte le imprese hanno dimostrato entusiasmo e soddisfazione per l’esperienza vissuta che ha permesso un importante confronto con diverse realtà del settore e la possibilità di miglioramento del proprio contento. Particolarmente gradito è stato l’intervento da remoto da parte di Sandro Bozzolo, dell’Azienda Agricola Marco Bozzolo, una delle imprese visitate, che ha permesso al pubblico di ascoltare un punto di vista diverso. Al termine degli interventi è stato poi lasciato spazio a domande e riflessioni da parte dei presenti che ha generato importanti suggestioni e idee.
Un momento quindi di ascolto e scambio diretto tra  amministratori e imprese, elementi essenziali per costruire le progettualità future di sviluppo locale capaci di tradurre concretamente le necessità del territorio.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività del progetto di cooperazione transnazionale JoIN–Job, Innovation and Networking in the Rural Areas di cui il Gal GardaValsabbia2020 è capofila, insieme a Gal Valle Seriana e dei Laghi Bergamaschi, Gal Valle Brembana 2020, Gal Haute Provence Luberon (Francia), Gal Castigniccia Mare è Monti (Corsica), Gal Alt Urgell (Spagna). Il progetto JoIN, infatti, intende consolidare le reti, in primis locali ma anche internazionali, sul tema del lavoro e dell’innovazione e promuovere la contaminazione tra diversi territori attraverso una maggiore conoscenza delle esperienze esemplari già attive, nonché attraverso il contatto e lo scambio diretto tra i protagonisti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.