Quantcast

Depuratore, “Territorio bypassato dal commissario”

Secondo la deputata di FacciamoECO Rossella Muroni, "La soluzione scelta è calata dall'alto, sbagliata e non tiene conto della volontà delle comunità locali".

Più informazioni su

(red.) “Ancora una volta la politica abdica al suo ruolo e demanda le scelte più scomode a un Commissario, come il Prefetto di Brescia Visconti nominato lo scorso giugno commissario per la depurazione del Garda. Che in audizione alla Commissione Ambiente della Camera ha rivendicato la sua scelta sul sito di Gavardo-Montichiari con scarico nel Chiese per le nuove opere di collettamento e depurazione delle acque della sponda bresciana del Garda. Una scelta che ha motivato citando consulenze scientifiche, senza fugare però il legittimo sospetto che fosse tutto già deciso”.

Secondo la deputata di FacciamoECO Rossella Muroni, “la soluzione scelta è calata dall’alto, sbagliata e non tiene conto della volontà né delle soluzioni alternative espresse da comunità locale, associazioni, imprese e istituzioni del territorio interessato. Come i comitati mamme del Chiese, referendario acqua pubblica Brescia, Gavardo ambiente informazione attiva, Visano respira, mamme del Garda, la Federazione delle associazioni che amano il fiume Chiese ed il suo lago d’Idro e il Tavolo provinciale basta veleni auditi anch’essi dalla Commissione”.

“In particolare”, secondo Muroni, “la soluzione indicata di Gavardo-Montichiari non considera il fatto che la portata del Chiese non ha le caratteristiche necessarie: per diversi mesi l’anno, da Calcinato in poi, il fiume è praticamente in regime d’asciutta per utilizzi agricoli delle acque. Scaricare nel Chiese, quindi, comprometterebbe pesantemente la vita e l’ecosistema di questa asta fluviale. Sarebbe stato più giusto non interrompere con la nomina del Commissario un processo già avviato con tavoli territoriali, come sarebbe giusto tornare ad ascoltare il territorio e fare i necessari approfondimenti per arrivare a una soluzione davvero capace di risolvere i problemi ambientali del Garda. Una pagina certo non bella per la democrazia e l’ambiente”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.