Quantcast

Centomiglia, trionfano i fratelli Larcher

Alla 71esima Centomiglia del Garda, che si è svolta a Gargnano il 4 e il 5 settembre, Fabio e Diego Larcher sono i primi della classifica assoluta a bordo di Clandesteam.

(red.) Alla 71esima Centomiglia del Garda, che si è svolta a Gargnano (Brescia) il 4 e il 5 settembre, i fratelli Fabio e Diego Larcher della Canottieri Garda Salò sono primi della classifica assoluta a bordo di Clandesteam (progetto Umberto Felci) con la coppia Roberto Benamati e Matteo Pilati alternati al timone e alla tattica. E’ la nona volta che l’imbarcazione si impone come prima assoluta.

L’equipaggio di Clandesteam si componeva di 15 regatanti, suddivisi tra veterani delle manifestazioni veliche gardesane e giovanissimi alla loro prima esperienza, ma già ben affermati nelle classi giovanili di 29Er e Rs Feva, sotto la guida dello skipper veronese e campione olimpico Roberto Benamati.

Fabio Larcher ha inoltre ricevuto il premio speciale dedicato a Greta Nedrotti e Umberto Garzarella come velista più giovane al traguardo, riconoscimento introdotto da questa edizione per ricordare i due giovani morti in un tragico incidente nel golfo di Salò. Anche Andrea Francesca dall’Ora, imbarcata sempre su Clandesteam, ha ricevuto il premio speciale nella categoria donna più giovane al traguardo.

Primi posti per i soci Canottieri anche nelle categorie di classe: Paolo Moccia su Assterisco di Piergiorgio Zamboni fra gli Asso 99 e Andrea Barzaghi timoniere di Yerba del Diablo fra i Protagonist.

La Centomiglia del Garda è la regata più longeva d’Italia e una delle più celebri d’Europa. La prima edizione risale infatti al 1951, 70 anni fa, e da allora la manifestazione ha accolto 350 equipaggi tra i migliori del continente.
Per la prima volta la gara era abbinata all’immagine della Vittoria Alata, la statua bronzea del I secolo simbolo della città di Brescia.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.