Quantcast

La Lega: “Perché non abbiamo votato l’inutile mozione sul depuratore”

Più informazioni su

(red.) “Quanto avvenuto nelle scorse ore in consiglio provinciale merita un chiarimento”, si legge in un comunicato diffuso dalla segreteria della Lega sulla mozione votata a Palazzo Broletto che riguarda la collocazione del depuratore del Garda, “soprattutto alla luce di certe storture nel racconto della vicenda. È di pessimo gusto assistere a come il Pd decida in maniera del tutto incoerente di strumentalizzare le scelte del commissario-prefetto Visconti, soprattutto perché questa nomina è stata votata anche dai parlamentari dem bresciani. Quindi a Roma pure il Pd ha votato per il depuratore a Montichiari e Gavardo, mentre invece a Brescia votano per Lonato: delle due, l’una”.

“Occorre peraltro ricordare che il parere sui depuratori non è politico ma scientifico”, si legge ancora nella nota del Carroccio, “in quanto arriva dagli studi di tre università che hanno individuato il luogo tecnicamente più idoneo. Il dato politico vero è che, nonostante 10 anni di Provincia a guida Pd e con controllo dei vertici Ato, l’unico atto concreto della sinistra in Provincia è stato il voto di questa mozione che tutti sanno non poter cambiare il corso degli eventi: la montagna ha partorito un topolino”.

“Una mozione”, dice ancora la segreteria provinciale della Lega, “che prima della nomina del commissario aveva certamente un senso ed è stata voluta anche dalla Lega ma che, dopo ciò che tutti i partiti hanno votato a Roma, ha smesso di essere utile concretamente poiché si è fatto un passo avanti proprio con la nomina del commissario. Il voto alla mozione è quindi soltanto uno specchietto per le allodole da poter sventolare come una bandierina ma che gli stessi che l’hanno presentata e votata sanno non potrà cambiare nulla. Approvare questa mozione sarebbe stato come prendere in giro i bresciani, e la Lega non vuole in alcun modo farlo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.