Quantcast

Salò, Ris al lavoro sui reperti dell’incidente nautico

Sono ripresi gli accertamenti tecnico scientifici sui natanti coinvolti nel tragico schianto in cui hanno perso la vita Greta ed Umberto.

(red.) Sono ripresi mercoledì 28 luglio gli accertamenti tecnico scientifici sui natanti coinvolti nell’incidente nautico avvenuto la notte del 19 giugno scorso, in cui persero la vita sue giovani, Greta Nedrotti, studentessa di 25 anni, ed Umberto Garzarella, 37enne tecnico caldaista, travolti ed uccisi da un motoscafo nelle acque del lago di Garda, a Salò.

I militari del Ris di Parma hanno iniziato la comparazione fra i resti lignei trovati sull’Aquarama, a bordo del quale si trovavano i due turisti tedeschi che hanno speronato i il gozzo su cui si trovavano le vittime,  e la piccola imbarcazione di legno distrutta nell’impatto, ma anche il confronto tra le fibre prelevate dal motoscafo e quelle dei tessuti degli indumenti indossati quella sera da Greta ed Umberto.

Salò Garzarella Nedrotti tedeschi investitori motoscafo barca natante con cadavere trovato a salò

Non è ancora stata avviata, invece, l’analisi delle impronte prelevate sul volante e dalle manette di marce ed acceleratore del motoscafo dei due manager tedeschi. Nei prossimi giorni, alla presenza anche dei consulenti delle parte offese, che hanno nominato l’ex comandante del reparto investigazioni scientifiche della città emiliana, l’ex generale Luciano Garofalo, verranno eseguite anche queste indagini.

Al via anche le analisi sui telefonini sequestrati ai due indagati nelle fasi successive all’incidente: dai movimenti delle celle telefoniche e dai contatti avuti nelle ore precedenti allo scontro fra le due barche, gli inquirenti potrebbero stabilire in modo chiaro  le responsabilità da ascrivere ai due indagati.

Per il momento, Patrick Kassen, che ha dichiarato di essere al volante del potente motoscafo, resta in cella con l’accusa di omicidio colposo e di omissione di soccorso. Indagato a piede libero per i medesimi reati anche l’amico che era con lui quella notte, proprietario del natante.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.