Quantcast

Girelli (Pd): “Fermata sul Garda? Tav non è una littorina”

“Non esiste divisione sulla necessità di sostenere il turismo per il bacino del Garda, ma la soluzione non può essere quella di mettere una stazione nel Basso Garda, perché trasformeremmo la Tav in una littorina”, sostiene il consigliere regionale del Pd Gianni Girelli, commentando l’approvazione in consiglio regionale di una mozione presentata dalla collega Claudia Carzeri, di Forza Italia, per la realizzazione di una fermata della Tav Milano Venezia sul Garda. A voto segreto la mozione è stata approvata con 34 sì e 30 no. “Credo che non serva la demagogia, ma il potenziamento delle linee regionali e interregionali a servizio di tutto il bacino e non solo di una parte. Bisognerebbe rimettere i treni tra Milano e Venezia che sono stati depotenziati, e i Milano-Verona. Da queste due città si deve poter raggiungere tutto il lago con un trasporto pubblico efficiente e frequente. Spiace che la collega Carzeri abbia voluto forzare su una proposta che non ha gambe per camminare, come dimostra anche il fatto che a voto segreto molti esponenti della maggioranza di centrodestra non l’hanno sostenuta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.