Quantcast

Salò, uno dei due turisti tedeschi si è rifiutato di fare il test dell’alcol foto

L'altro test è risultato negativo. Domani l'autopsia sui corpi delle vittime. Ancora da capire chi stesse guidando.

(red.) Tra i due turisti tedeschi responsabili dell’incidente mortale nautico di sabato notte 19 giugno sul lago di Garda a Salò, nel bresciano, è arrivato il risultato – negativo – all’alcoltest di uno dei due. L’altro, invece, aveva rifiutato di sottoporsi al test. E’ questo l’ultimo aggiornamento che arriva dal tragico accaduto in cui hanno perso la vita il 37enne Umberto Garzarella e la 25enne Greta Nedrotti, di Salò e Toscolano Maderno. Questo emerge anche dopo la notizia del fatto che uno dei due era stato arrestato quella sera stessa, ma poi rilasciato di fronte alla mancanza di prove certe.

E nel frattempo i due turisti, indagati a piede libero per duplice omicidio colposo e omissione di soccorso, sono rientrati a Monaco di Baviera. Il loro legale Guido Sola, al quale si sono affidati prima di fare rientro in Germania, ha detto che i suoi assistiti avrebbero bevuto solo un bicchiere di vino ciascuno dopo quella cena e prima di rientrare al golfo di Salò proprio perché avrebbero dovuto guidare il motoscafo. E ora gli stessi tedeschi hanno chiesto di incontrare le famiglie delle vittime. Tuttavia, c’è ancora un aspetto da chiarire: non si sa chi guidasse il natante al momento dello scontro, visto che durante il primo interrogatorio i due hanno detto di essersi alternati ai comandi.

In ogni caso, saranno decisive anche le perizie che saranno effettuate sulle due barche. Intanto domani, giovedì 24 giugno, si svolgerà l’autopsia sui corpi delle due vittime. Le prime conseguenze dell’incidente, nel momento in cui i due turisti sono potuti rientrare in Germania, hanno scatenato le reazioni. E tra queste c’è anche quella dell’assessore regionale lombardo alla Sicurezza e Polizia locale Riccardo De Corato che parla della necessità di estendere le regole dell’incidente stradale – come l’omicidio stradale – anche al settore nautico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.