Quantcast

Depuratore del Garda, prefetto-commissario: entro luglio la decisione

Il prefetto fresco di nomina a capo dell'opera ha annunciato che sentirà tutte le parti coinvolte nell'infrastruttura.

(red.) Entro la fine di luglio sarà presa la decisione definitiva sulla localizzazione del depuratore delle acque bresciane del lago di Garda. A dirlo è il prefetto di Brescia Attilio Visconti, fresco di nomina come commissario da parte del Governo per sbloccare l’empasse intorno all’opera. Resta in attesa di capire come dovrà muoversi nel via libera alla progettazione e cantierizzazione dei lavori, ma intanto fa sapere di aver già contattato il ministro degli Affari regionali e Autonomie Mariastella Gelmini, presidente della Comunità del Garda, che era a Brescia in occasione dell’atto finale della Mille Miglia. Lo stesso prefetto, ora anche neo commissario, ha detto che sentirà tutte le parti in causa e che si avvarrà della consulenza del rettore dell’Università degli Studi di Brescia Maurizio Tira.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.