Quantcast

Delitto Francesca Fantoni, chiesto l’ergastolo per Andrea Pavarini

Ieri nuova udienza in tribunale per l'omicidio della fine di gennaio del 2020. "Pavarini capace di intendere e volere".

(red.) Ergastolo con isolamento diurno. E’ quanto ha chiesto ieri, mercoledì 16 giugno, in tribunale a Brescia il pubblico ministero Marzia Aliatis nei confronti del 32enne Andrea Pavarini, imputato per l’omicidio di Francesca Fantoni avvenuto il 25 gennaio del 2020 a Bedizzole. La donna, lo ricordiamo e come è stato ricostruito, sarebbe stata strangolata dall’uomo probabilmente dopo essersi opposta a un tentativo di rapporto sessuale. E il corpo era stato abbandonato in un luogo nascosto del parco dei Bersaglieri.

In seguito al delitto il giovane aveva ammesso, ma in occasione della precedente udienza rispetto a quella di ieri l’uomo ha cercato di ritrattare. Proprio ieri in aula davanti al presidente della Corte Roberto Spanò è stato ricostruito l’omicidio, verificando anche come Pavarini fosse capace di intendere e volere. E si è anche accertato che più volte lo stesso 32enne aveva messo in campo altri episodi di tipo sessuale, ma mai arrivando alla violenza. Il processo è stato aggiornato a lunedì 21 giugno quando, dopo le ultime battute, si riunirà la camera di consiglio per la sentenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.