Quantcast

Sirmione, forestali sequestrano rete da pesca “abusiva” trovata dal Wwf

L'altra sera il ritrovamento della matrice intricata "clandestina" dove c'erano bloccati 250 chili di pesce.

(red.) L’altra sera, mercoledì 12 maggio, gli attivisti del Wwf a Sirmione, lungo la sponda bresciana del lago di Garda, hanno trovato e recuperato una rete da pesca che all’interno aveva 250 chili di pesce rimasto bloccato. La segnalazione ha raggiunto i carabinieri forestali che sono giunti al punto indicato, a circa un chilometro di distanza dalla penisola, procedendo al sequestro della rete.

Dopodomani, domenica 16 maggio, gli stessi attivisti del Wwf di Brescia e Bergamo saranno impegnati a Desenzano in un’attività di pulizia delle spiagge e dei fondali nell’ambito della Campagna Mare 2021 del Wwf Italia. Attività che coinvolge anche la Guardia costiera nel rimuovere le reti da pesca “clandestine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.