Quantcast

Muscoline, trovato il corpo senza vita della 62enne Claudia Goffi

Ieri pomeriggio la Protezione Civile ha recuperato il cadavere in uno spazio boschivo lungo il fiume Chiese.

Più informazioni su

(red.) Si sono concluse nel modo peggiore le ricerche di Claudia Goffi, la donna che tra pochi giorni avrebbe compiuto 63 anni e residente a Muscoline, in Valtenesi, nel bresciano. Era sparita da domenica pomeriggio 9 maggio dalla sua abitazione dopo essersi allontanata a piedi in direzione delle località Canova e Longavina, come avevano fatto accertare le immagini riprese dalle telecamere nella zona di Moniga del Bosco, dove la donna abitava.

Ieri pomeriggio, mercoledì 12 maggio, è avvenuto il tragico rinvenimento del corpo senza vita da parte delle squadre di soccorso e dei volontari che da tre giorni si stavano operando nelle ricerche. Nella giornata di ieri, attivandosi attraverso il centro di coordinamento posto al Centro don Milani e con la regia anche della prefettura di Brescia, i mezzi in campo si sono potenziati con l’utilizzo di droni, sommozzatori, vigili del fuoco del gruppo Speleo Alpino Fluviale, la Protezione Civile e le unità cinofile. Ispezionando l’intera zona anche con l’elicottero, intorno alle 16,30 muovendosi lungo il corso del fiume Chiese, in uno spazio nascosto e boschivo è stato recuperato il corpo della donna.

Era a circa cento metri da via Canova, non lontano dalla centralina idroelettrica di Longavina. I carabinieri della compagnia di Salò, allertati, hanno attivato tutte le procedure del caso, a partire dal magistrato che, appurato il fatto del mancato coinvolgimento di altre persone nella morte della donna, ha disposto solo un esame esterno del cadavere all’obitorio dell’ospedale di Gavardo. In seguito la salma è stata subito restituita alla famiglia per il funerale. La donna lascia l’ex marito e il figlio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.