Quantcast

Depurazione Garda, chiusi i tavoli di lavoro: in pole Lonato

Entro domani Acque Bresciane consegnerà la relazione all'ufficio d'Ambito: il 18 maggio la decisione finale.

(red.) Si sono chiusi i cinque tavoli di lavoro proposti da Acque Bresciane per coinvolgere tutte le realtà possibili nella scelta dell’allestimento del depuratore del Garda per la sponda bresciana. A questo punto lo stesso gestore del ciclo idrico provinciale in queste ore consegnerà la relazione all’ufficio d’Ambito Ato in vista del 18 maggio quando si dovrà decidere in modo definitivo la posizione.

E dopo la proposta del doppio impianto a Gavardo e Montichiari, è salita invece quella di un depuratore a Esenta di Lonato e che potrebbe scaricare non nel Chiese, ma nel Mincio. Idea che era emersa proprio da uno dei tavoli. In vista del 18 maggio, la parte politica deciderà l’11 per poi arrivare a una soluzione definitiva. A quel punto si penserà al progetto e anche alla questione dello scarico dei reflui.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.