Quantcast

Toscolano, festa (senza mascherina) tra gli ospiti di un resort

Ieri l'intervento di Polizia e carabinieri. Il resort poteva essere aperto: tutti gli ospiti erano lì per lavoro.

(red.) Il resort di Gaino, a Toscolano Maderno, sull’alto lago di Garda bresciano, era aperto (e poteva esserlo) per motivi di lavoro. Peccato che gli ospiti, circa quindici persone sui 30 anni e tutte del Trentino, partecipassero a una piccola festa lungo la piscina. Lo hanno scoperto nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 16 aprile, gli agenti della Polizia locale e i carabinieri della stazione di Gardone Riviera che si sono mossi dopo aver ricevuto alcune segnalazioni da chi abita nelle vicinanze.

Le quindici persone coinvolte, uomini e donne facevano parte di un gruppo di viticoltori trentini giunto in terra bresciana per un tour nelle cantine provinciali alloggiando per l’occasione nella tenuta collinare di Gaino. Si è verificato che nessuno dei partecipanti al party, ovviamente vietato visto l’assembramento, indossava la mascherina. Tutti sono stati sanzionati con 400 euro ciascuno, mentre non sarebbero emerse responsabilità da parte dei gestori del resort.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.