Quantcast

Coronavirus, positivi in albergo. A Salò gestori e ospiti “blindati” in stanza

Ordinanza del Comune nel fine settimana. Fino al 14 marzo sarà l'ente ad occuparsi di somministrare i pasti.

(red.) Nello scorso fine settimana appena passato, quello tra sabato 6 e domenica 7 marzo, a Salò, sulla sponda bresciana del lago di Garda, è stata firmata un’ordinanza comunale con cui l’albergo “Nonna Ebe” di via Calsone deve restare chiuso dopo l’emersione di una serie di casi positivi al nuovo coronavirus. Ne dà notizia Bresciaoggi sottolineando come tutti gli ospiti e i gestori dovranno restare per forza di cose chiusi in isolamento all’interno delle proprie stanze.

La situazione si è resa necessaria nel momento in cui in municipio è arrivata una comunicazione dell’Ats di Brescia sul fatto che fossero risultati positivi soggetti presenti all’interno della struttura ricettiva. Per questo motivo sul posto si sono presentati anche gli agenti della Polizia locale che hanno fatto disporre l’isolamento in quarantena per gestori e ospiti e il divieto di accogliere altre persone dall’esterno. Sarà il Comune a occuparsi di somministrare i pasti ai presenti fino a domenica 14 marzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.