Manerba, mucche sequestrate (di nuovo) a un allevatore

Ieri la nuova disposizione dopo quella del 2019. Il loro ricovero in pessime condizioni: animali molto dimagriti.

(red.) Nella giornata di ieri, venerdì 19 febbraio, gli agenti della Polizia locale operativi a Manerba del Garda, nel bresciano, insieme ai veterinari dell’Ats e ai carabinieri forestali hanno disposto il sequestro di 18 mucche in località Pisenze e nei confronti del loro anziano allevatore. Tra l’altro, già nell’estate del 2019 alcuni esemplari erano stati sequestrati perché beccati a scorrazzare per le strade nelle vicinanze e con i rischi per la sicurezza verso auto e ciclisti.

Ieri, invece, i sigilli sono scattati per le pessime condizioni in cui gli animali sono stati trovati. In particolare molto dimagriti. Tutte le vacche sono state al momento affidate a un’altra azienda agricola in attesa che l’allevatore metta in sicurezza da ogni punto di vista la propria struttura.

In base all’ultimo sopralluogo, le bestie restavano al buio, mancava acqua e c’erano pessime condizioni igienico sanitarie. A quel punto al proprietario è stato intimato la messa in sicurezza, ma mai rispettata. Per questo motivo ieri è scattato il sequestro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.