Coronavirus a Brescia, altri 8 morti. Positivo un bambino in asilo a Salò

Ma continua a preoccupare la situazione di Castrezzato: ieri altri 19 casi, sono 181 in sole due settimane.

(red.) Quella di ieri, mercoledì 10 febbraio, è stata un’altra giornata in cui, a causa dell’emergenza sanitaria, la nostra provincia di Brescia ha purtroppo dovuto contare altre otto vittime. Si tratta di una 65enne e un 75enne a Brescia, un 78enne di Leno, una 92enne a Mazzano, un 86enne a Tignale e tre vittime in Valcamonica. Sul fronte dei contagi, continua a preoccupare la situazione di Castrezzato che ieri ha registrato altri 19 casi positivi dei 181 segnalati in sole due settimane.

Per questo motivo il Comune è in costante contatto con Ats e prefettura per decidere eventuali nuove misure più stringenti. E non è escluso che l’ordinanza di chiusura delle scuole attualmente in vigore possa essere prorogata.

Intanto, sempre dal punto di vista scolastico, a Salò è emerso un caso positivo e riguarda un bambino dell’asilo “Fratelli Cervi e Bravi”. L’intero istituto è stato chiuso anche per disporre la sanificazione, mentre due sezioni non coinvolte dal contagio possono riaprire già da oggi, giovedì 11 febbraio. La sezione interessata resterà chiusa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.