Gardone Riviera, denunciato bracconiere vicino al Vittoriale

Ieri mattina il cacciatore 50enne è stato colto in flagrante. Aveva 27 reti e un centinaio di uccelli, anche protetti.

(red.) E’ l’ennesima operazione contro il bracconaggio quella messa in campo ieri mattina, domenica 31 gennaio, poco al di sopra del Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera, sulla sponda bresciana del lago di Garda. Ad avere i primi sospetti è stata una guardia venatoria di Legambiente che l’altra mattina, sabato 30, ha notato alcune sponde usate per sostenere delle reti da uccellagione. E ieri si sono mossi anche i carabinieri forestali di Salò che hanno pizzicato in flagrante il bracconiere.

Si tratta di un 50enne residente in paese e che stava piazzando una serie di reti illegali per la caccia. In tutto, tra quelle che aveva con sé e altre nella propria abitazione, i forestali ne hanno contate 27. Non solo, perché sono anche stati sequestrati 139 uccelli, di cui la maggior parte protetti e altri, vivi o morti, bloccati tra i tramagli. L’uomo ha quindi incassato una denuncia per furto aggravato contro il patrimonio indisponibile dello Stato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.