Lonato, gli esplode il fucile mentre spara: cacciatore ferito a una mano

L'incidente è avvenuto ieri all'interno del capanno del 61enne. Ricoverato a Sesto San Giovanni, non è grave.

(red.) Nella prima mattina di ieri, domenica 27 settembre, intorno alle 8,30 un cacciatore di 61 anni residente a Villa Carcina e che in quel momento stava conducendo una battuta di caccia nel suo capanno di Madonna della Scoperta a Lonato del Garda, nel bresciano, è rimasto vittima di un incidente. Nel momento in cui, infatti, si trovava all’interno del proprio gabbiotto insieme al figlio e stava per esplodere un colpo di fucile verso una preda, l’arma si sarebbe inceppata ed è esplosa tra le mani del cacciatore.

Sembra che sia stato il figlio ad allertare immediatamente i soccorsi facendo arrivare sul posto un’ambulanza, l’automedica e anche l’elicottero. L’uomo, per fortuna non in gravi condizioni, ma con una vistosa ferita alla mano sinistra, è stato imbarcato sul velivolo verso l’ospedale di Sesto San Giovanni che è specializzato negli interventi di chirurgia che riguardano gli arti.

Al capanno di caccia sono arrivati anche i carabinieri di Desenzano per accertare la dinamica dell’accaduto. A questo punto i medici sono fiduciosi sul fatto di riuscire a far riprendere l’uso della mano al 61enne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.