Quantcast

Maltempo e vento: alberi caduti, tetti scoperchiati e surfisti soccorsi

Disagi causati dal vento a Lumezzane e Sarezzo. Sul lago d'Iseo spunta persino una tromba d'aria.

(red.) Dopo gli eventi meteorologici che giovedì 24 settembre avevano colpito soprattutto Cologne e Concesio con Sarezzo, in Valtrompia, nel bresciano, anche quella di ieri, venerdì 25, è stata una giornata di preoccupazione e di battaglia contro le conseguenze del maltempo. E la prima causa di diversi danni in provincia è stato il forte vento. A Lumezzane, per esempio, nella frazione di Gazzolo nel primo pomeriggio le folate hanno portato a staccare il tetto sopra la palazzina di due appartamenti e di un negozio di ferramenta.

Qui si sono mossi i vigili del fuoco di Lumezzane, di Gardone e Brescia che hanno recuperato i pezzi volati in una strada vicina e senza provocare problemi, per poi dichiarare comunque agibili gli appartamenti. Ma la zona rimasta scoperta è stata coperta con dei teli, mentre l’Arpa ha raggiunto il posto per capire se le lastre volate fossero di cemento o di eternit. A Sarezzo, invece, dopo alcuni edifici scoperchiati, si è intervenuti per rimuovere alcuni alberi caduti a terra sulla ciclabile a Zanano. Altri disagi in provincia sono stati registrati tra il lago d’Iseo e la Valcamonica dove, sul Sebino, era addirittura visibile una tromba d’aria.

In Valcamonica, a Darfo, un albero è piombato lungo il percorso ciclabile e poi rimosso. Problemi anche a Iseo tra un albero caduto in un parcheggio e il tetto dell’edicola di via Bonardi, nei pressi dell’Italmark, volato finendo contro un lampione e poi su un’auto in sosta. Disagi anche in via per Rovato per una pianta finita contro lo stadio e in zona industriale per altre piante cadute. Nei territori di Sale Marasino, Sulzano e Marone gli interventi si sono resi necessari a causa di alcuni smottamenti e per rimuovere l’acqua da strade e cantine inondate dalle piogge.

Infine, sul lago di Garda la Guardia costiera si è dovuta muovere per diversi interventi con cui salvare surfisti e velisti. Un caso è accaduto tra Limone e Malcesine, così come tra Limone e Riva per due surfisti tedeschi in difficoltà a causa del vento e della pioggia. Anche lungo la sponda trentina del Garda dove da ieri sera la Gardesana è chiusa a causa di una frana avvenuta tra Limone e Riva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.