Coronavirus, mini focolaio in famiglia a Lonato partito da un operaio

Una famiglia messa in quarantena. L'uomo lavora all'azienda agricola nel mantovano teatro del maxi focolaio.

(red.) Gli esperti tra epidemiologi e scienziati continuano a ripeterlo come un mantra: è fondamentale identificare il prima possibile e quindi circoscrivere eventuali focolai di diffusione da coronavirus, visto che nella maggior parte dei casi si parla di asintomatici. Uno di questi focolai, di cui scrive il Giornale di Brescia, è emerso a Lonato del Garda, nella nostra provincia. E’ stato appurato dal fatto che il report dell’Agenzia di Tutela della Salute ha indicato al Comune la presenza di cinque nuovi casi positivi nell’arco di due giorni e dopo che il paese non contava nuovi casi da due settimane.

E’ stato poi verificato che il focolaio sarebbe stato “acceso” da un uomo che lavora, insieme ad altri quattro bresciani, all’azienda agricola di Rodigo, nel mantovano, dove sono emersi 97 casi positivi al Covid-19. Dopo l’accertamento della positività, anche la famiglia dell’uomo è stata sottoposta al tampone verificando anche in loro la presenza del virus. Quindi, tutti sono stati posti in quarantena obbligatoria. Nel frattempo il report sulla diffusione del contagio indica come in media in Italia l’indice sia salito alla media di 1,01 e dodici regioni hanno superato proprio l’indice di soglia dell’1.

Intanto entro il fine settimana è atteso anche il nuovo decreto del presidente del Consiglio che dovrebbe entrare in vigore dal 10 e fino al 31 agosto disponendo la riapertura di crociere e fiere, ma non degli stadi e nemmeno delle discoteche al chiuso. Un altro tema fondamentale sarà quello del trasporto pubblico e del distanziamento a bordo, con un confronto della Conferenza Stato-Regioni in programma lunedì 10 agosto per arrivare a una sintesi condivisa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.