Goletta dei Laghi, sul Garda brutte notizie da Padenghe e Salò

Risultano fortemente inquinati due punti di prelievo. Meglio, invece, a Desenzano e Moniga.

(red.) Si è conclusa la quindicesima edizione di Goletta dei Laghi, la campagna di monitoraggio delle acque che ogni anno Legambiente effettua nei bacini lacustri italiani. Come di consueto, sono stati monitorati i principali laghi lombardi: Sebino, Lario, Ceresio, Verbano e Benaco. Il passaggio di Goletta ha posto l’attenzione sulla qualità delle acque dal punto di vista microbiologico, concentrando l’attenzione su scarichi abusivi, mancata depurazione, speculazioni edilizie, ma anche sulle microplastiche presenti nelle acque. In generale, Goletta dei laghi apre uno spazio di riflessione sull’ecosistema lacustre e mette in luce le migliori pratiche di gestione per la tutela e la salvaguardia della biodiversità.
Secondo i dati raccolti in questa indagine, per i due laghi che lambiscono la provincia di Brescia, i risultati non sono certo positivi. Sul lago d’Iseo, infatti, due punti di prelievo, a Pisogne (Sfioratore del comune nel canale industriale) e a Mont’Isola (Scarico presso pontile nord altezza sfera alta tensione) sono risultati fortemente inquinati. Entro i limiti, invece, i restanti campioni, prelevati a Sulzano, Castro, Tavernole Bergamasca e Costa Volpino (canale Spiaggia bar delle Rose e foce fiume Oglio)
Sul Lago di Garda, invece, i punti di prelievo di Salò (località Le Rive, Foce canale nei pressi della spiaggia), Padenghe sul Garda (località Porto, Foce torrente nei pressi del porto) risultano fortemente inquinati. Nella norma, i campioni raccolti a Desenzano (Scarico presso Spiaggia d’Oro e Scarico a sud della Lega Navale) e Moniga (Lago alla fine di Via dei Liner) 

SCARICA IL REPORT COMPLETO goletta-laghi-2020

Anche se proposta in una formula inedita nel rispetto delle restrizioni per il distanziamento fisico imposte dalla pandemia, Goletta dei Laghi non ha rinunciato a tenere insieme indagine scientifica e attenzione alla territorialità che la caratterizza. Come di consueto, Goletta ha aperto uno spazio di riflessione sull’ecosistema lacustre mettendo in luce le buone pratiche e sottolineando le principali fonti di criticità che minacciano i nostri laghi: gli scarichi abusivi, la cementificazione delle coste, la mancata depurazione, l’incuria e l’emergenza rifiuti, in particolare l’invasione di plastiche e microplastiche su cui quest’anno è stato sviluppato un approfondimento specifico attraverso la presentazione del progetto “Blue Lakes” a Toscolano Maderno.
Come ogni anno, i tecnici e i volontari di Goletta dei Laghi hanno monitorato lo stato di qualità dei laghi attraverso le analisi microbiologiche delle acque, prelevando campioni in diversi punti considerati sensibili sia per l’elevata attività antropica che per l’affluenza di scarichi nel bacino, spesso segnalati dai cittadini tramite il servizio SOS Goletta.

 

I risultati di questa edizione confermano che i laghi lombardi continuano a essere minacciati da scarichi fognari non depurati: sui 30 punti monitorati, ben 15 evidenziano la presenza di cariche batteriche oltre i limiti di legge, e sono stati segnalati come “inquinati” o “fortemente inquinati”.
I parametri indagati sono quelli microbiologici (Enterococchi intestinali, Escherichia coli) e vengono considerati come “inquinati” i campioni in cui almeno uno dei due parametri supera il valore limite previsto dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) e “fortemente inquinati” quelli in cui i limiti vengono superati per più del doppio del valore normativo.

 

«L’edizione di quest’anno conferma l’urgenza delle misure richieste da Legambiente – dichiara la presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto – scarichi abusivi, ritardi nella depurazione, inquinamento da plastiche e microplastiche mettono sempre più sotto pressione i nostri laghi. Alcuni punti critici sono gli stessi che denunciamo da anni e rappresentano ormai dei veri e propri “malati cronici” su cui però, purtroppo, si continua a non prendere provvedimenti o ad agire con troppa lentezza.»

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.