Garda, Legambiente lancia l’allarme microplastiche. Via a una campagna

Ieri il via alla campagna per lanciare il progetto "Blue Lakes". Si chiede ai Comuni di contribuire insieme.

(red.) Dal lago di Garda viene lanciato l’allarme per la presenza e il moltiplicarsi di microplastiche nelle acque. Frutto dei rifiuti abbandonati dall’uomo senza alcun accorgimento e smaltendoli in modo illecito. Ieri, giovedì 23 luglio, a Toscolano Maderno, nel bresciano, si è svolta una nuova tappa della Goletta dei Laghi di Legambiente per avviare una campagna ambientale di sensibilizzazione proprio contro i piccoli pezzi di plastica derivanti dalla disgregazione dei rifiuti.

Un fenomeno che nel lago di Garda è nettamente peggiorato, tanto da passare – secondo i numeri di Legambiente – dalle 10 mila particelle per chilometro quadrato del 2017, alle 36 mila dell’anno successivo e 130 mila nel 2019. Ieri a tenere a battesimo la campagna è stata la presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto che ha annunciato la presentazione dei risultati lunedì 27 luglio al porto vecchio di Desenzano.

E questa mattina la campagna ha fatto tappa anche a Salò. L’obiettivo dell’iniziativa è di coinvolgere le amministrazioni comunali nel progetto europeo “Blue Lakes” a livello internazionale riguardando in Italia, oltre al Garda, anche il lago di Bracciano e di Trasimeno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.