Lonato, incidente in bicicletta, muore la compagna del ciclista Marco Velo

Nella mattinata di sabato l'investimento mortale in una strada di campagna. Roberta Agosti ha perso la vita dopo essere stata travolta da un camion.

(red) Un altro ciclista ha perso la vita sulle strade della provincia di Brescia dopo un tragico investimento. E’ successo stamattina, sabato 4 luglio, intorno alle 10,30 in via Fenil Nuovo a Lonato del Garda. Secondo le informazioni una donna impegnata in un’escursione in bicicletta con altri ciclisti lungo una strada nella campagna del paese ha sbandato ed è stata travolta da un camion che procedeva nel senso di marcia inverso.
La vittima è Roberta Agosti, 51 anni, una sportiva molto conosciuta nel ciclismo bresciano. La dinamica è stata raccontata dall’ex ciclista professionista Marco Velo, oggi braccio destro del ct della nazionale Davide Cassani e da un anno e mezzo compagno della vittima.
«Eravamo in mezzo alla campagna», ha detto Velo a un sito specializzato nel ciclismo,  «dove il traffico in pratica non c’è. Avevamo proprio scelto quel posto per pedalare in sicurezza e in tutta tranquillità, eravamo un gruppetto di amici che procedeva piano, non più di 23 chilometri all’ora. Salivamo su una strada all’1%, e a un certo punto sono caduti in 3 o 4, Roberta ha sbandato e si è portata verso sinistra ed è stata presa in pieno dal camion cisterna che stava procedendo in senso contrario alla nostra marcia: da quel momento è in cominciato un incubo».
Sono scattate le richieste di soccorso al 112 facendo arrivare anche l’elicottero, un’ambulanza della Croce Rossa di Calvisano e gli agenti della Polizia stradale per ricostruire la dinamica. Ma per la ciclista finita a terra non c’è stato nulla da fare e gli interventi di rianimazione sono stati inutili.
Come dicevamo Roberta era molto conosciuta nell’ambito del ciclismo amatoriale della nostra provincia come atleta del Team Millennium Brescia. Era la figlia del fondatore del marchio di giocattoli Toys, l’imprenditore Antonio Agosti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.