Quantcast

Turismo e sostenibilità: «5 Vele Blu» a Gardone Riviera

La cittadina sul Benaco si conferma, per il secondo anno consecutivo, meta turistica al top nella guida di Legambiente e Touring.

(red.)Nel «Mare più bello 2020» c’è ancora anche la costa occidentale del Garda: spiagge di lago, tra le eccellenze della guida di Touring e Legambiente presentata quest’anno solo con comunicato stampa per le limitazioni di COVID19, che alla qualità delle acque abbina l’attenzione all’ambiente e i servizi sul territorio.

Ecco quindi che tra le «5 Vele Blu» assegnate da Legambiente, che da 20 anni insieme al Touring promuove la guida, compaiono Gardone Riviera come capofila del Parco Alto Garda con Gargnano, Tignale, Limone e Riva del Garda, vengono confermati con «5 Vele». 
SCANDAGLIATE ogni anno attraverso i circoli locali e Goletta Verde, attribuendo a ogni comprensorio turistico le «Vele»: da 1 (punteggio minimo) a 5 (punteggio massimo) sono simboli che testimoniano non solo la balneabilità delle acque ma in generale la qualità ambientale, la presenza di servizi, il consumo energetico (tra i temi analizzati, anche l’uso del suolo, l’energia, i rifiuti, la sicurezza alimentare).

«Anche se questa stagione è caratterizzata da un inizio in sordina per la questione COVID19, è comunque una riconferma importante visto il primo riconoscimento del 2019- afferma Stefano Ambrosini da Gardone Riviera, dove ha ritirato virtualmente il vessillo in veste di consigliere comunale delegato all’ambiente del Comune di Gardone Riviera -.
Riceviamo le ambite 5 Vele con cui Legambiente segnala luoghi d’elezione per qualità della vita, tutela e rispetto dell’ambiente, azioni intraprese per salvaguardare costa ed entroterra.
Sono orgoglioso di poter rappresentare Gardone Riviera, in questa riconferma dopo il risultato del 2019 ottenuto dopo 10 anni di lavoro dell’amministrazione Cipani, della cittadinanza gardonese e degli operatori commerciali legato alla sostenibilità ambientale e al turismo sostenibile (oltrechè una raccolta differenziata al 82%).
Spero che questo ulteriore riconoscimento per la nostra comunità possa essere di buon auspicio per l’apertura tardiva di questa stagione estiva e un ulteriore sprono per migliorare sempre di più la qualità dei nostri servizi e della nostra accoglienza.»

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.