Quantcast

Gardaland, protocollo di sicurezza per entrare al parco

Il parco divertimenti non riaprirà prima del 30 aprile. Termoscanner all'ingresso e aperte solo attrazioni outdoor.

(red.) Vista la vicinanza, è il parco divertimenti più frequentato dai bresciani (ma non solo). Anche entrare a Gardaland, che tra pochi giorni – non prima del 30 aprile, come si legge sul sito ufficiale – riaprirà i battenti, non sarà più lo stesso ai tempi del coronavirus. Di certo non ci saranno problemi nel distanziamento sociale visto che il parco è distribuito su 600 mila metri quadrati. Ma la società che lo gestisce sta pensando a un rigido protocollo di sicurezza tra accessi, spettacoli e attrazioni accessibili.

“Dal punto di vista operativo Gardaland ha preparato un programma ben articolato, modulato in funzione delle direttive e dei diversi scenari che contempli contemporaneamente la tutela della salute e le esigenze del divertimento. In particolare – dice l’amministratore delegato Aldo Maria Vigevan – stiamo lavorando ad un protocollo di sicurezza per gestire tutti gli aspetti operativi così da minimizzare il rischio per i nostri dipendenti e i nostri ospiti. Con i suoi 45 anni di esperienza, il parco si candida come apripista nel mondo del divertimento”.

Quindi, un controllo sul numero giornaliero di ingressi e favorendo l’acquisto di biglietti online su un determinato giorno, verrà misurata la temperatura a dipendenti e visitatori e tutti gli addetti avranno dispositivi di protezione. Ci saranno anche distributori di igienizzante e la pulizia e sanificazione di locali e attrazioni. Saranno aperte solo quelle outdoor e ci saranno file dedicate per favorire il distanziamento sociale. Anche i ristoranti e negozi avranno ingressi scaglionati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.