Montichiari, il murale di Vera Bugatti solleva malumori

Per la dirigente del Don Milani, scelto per la stesura del dipinto, il tema scelto "non rappresenta la mission dell'Istituto". L'opera è stata voluta, con il placet di Provincia e Comune, dalla pro loco "Città di Montichiari" per celebrare il 25esimo dell'associazione.

Montichiari. Non piace. Il murale che l’artista di fama mondiale Vera Bugatti sta realizzando sulle pareti esterne dell’istituto scolastico superiore Don Milani a Montichiari (Brescia) fa storcere il naso alla scuola stessa che ritiene di «non essere rappresentata dall’iniziativa» voluta dalla Pro loco «Città di Montichiari» per celebrare i 25 anni dell’associazione.
Il tema scelto e rappresentato nel grande dipinto, che coprirà la parete della palestra, è «Giustizia, pace, solidarietà e diritti umani» e l’opera verrà realizzata entro il prossimo 12 luglio.

Il malumore è stato espresso, attraverso una nota, dalla dirigente scolastica Claudia Covri la quale, come riferisce Il Giornale di Brescia, ha evidenziato come «indipendentemente dalle qualità pittoriche del murale che non sta a noi valutare, la nostra scuola non si sente in alcun modo coinvolta, né rappresentata da codesta iniziativa, in quanto il messaggio che viene veicolato dall’opera non è ritenuto corrispondente alla mission dell’Istituto, che ha il compito di sostenere i propri allievi nel loro percorso di crescita con segni e simboli positivi, di apertura e di speranza nella edificazione di un futuro migliore. Il Don Milani ha già espresso la propria posizione a tutti gli enti coinvolti».

Proprietaria dell’immobile è la Provincia di Brescia, che ha dato il placet all’iniziativa, mentre il tema è stato scelto dagli studenti. Sul contenuto del dipinto il Broletto ha preso le distanze «non entrando nel merito del soggetto e dei colori».
Sia la Pro loco sia l’amministrazione comunale, per voce dell’assessore alla Cultura Angela Franzoni hanno rimarcato che si tratta di un “dono” fatto alla città e che non necessariamente rispecchia la mission del Don Milani, ma è finalizzato a suscitare emozioni e a far riflettere.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.