Italia Viva Bassa Bresciana: “Quattro proposte per affrontare la siccità”

Brescia. Italia Viva Bassa Bresciana interviene sul problema della siccità, proponendo un piano in quattro fasi. “Settimana dopo settimana la situazione legata alla siccità nei nostri comuni sta diventando sempre più preoccupante”, si legge in una nota firmata, per Italia Viva della Bassa, da Giovanni Braga Dettoni. “Riteniamo che la rapidità con la quale i cambiamenti climatici incidono sulle nostre vite e sui nostri territori necessiti di azioni rapide, di buon senso, in grado dare risposte ai cittadini ed alle imprese della nostra provincia. Italia Viva Bassa Bresciana propone un piano straordinario per l’emergenza idrica in 4 punti:
1. Bloccare da subito la realizzazioni di nuovi pozzi.
2. Realizzazione di ‘polmoni’ intermedi lungo i fiumi ed altri micro invasi creando collegamenti con i fiumi, valutando anche l’eventuale utilizzo di ex ‘cave in secca’.
3. Sostenere forme di irrigazione controllata, usando i fondi disponibili nel Pnrr.
4. Utilizzo delle acque in uscita dai depuratori previa verifica della loro idoneità, tramite canali per l’impiego agricolo e/o industriale, come già fatto con successo nell’impianto di proprietà di Ireti spa – impianto mancasale”.
“Dobbiamo provare con tutte le nostre forze”, conclude Italia Viva Bassa Bresciana,  “a ricreare quel ‘polmone’ che negli ultimi decenni è stato via via indebolito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.