“Le carte del monastero di San Benedetto di Leno”, mercoledì la presentazione

Più informazioni su

Leno. ” Le carte del monastero di San Benedetto di Leno, IX secolo-1400″ è il titolo del volume che viene presentato a Leno mercoledì 1 giugno alle ore 15 presso il Forum di Cassa Padana.
Si tratta di una ricca serie di documenti, messi a disposizione degli studiosi in edizione critica nel volume Le carte del monastero di San Benedetto di Leno, IX secolo-1400, a cura di Maria Chiara Succurro, edito nella collana Codice Diplomatico Bresciano della Fondazione Civiltà Bresciana.
Sono le bolle pontificie e i diplomi imperiali, che testimoniano le vicende della grande storia di cui furono protagonisti gli abati di Leno, ma è soprattutto il cospicuo numero di contratti agrari, di testimoniali, di carte di vertenza che fanno rivivere la vita quotidiana delle comunità della pianura e delle dipendenze del monastero leonense sparse in Italia.

Ne parleranno: Nicolangelo D’Acunto dell’Università Cattolica, presidente del Centro Europeo di Studi Monastici, coordinatore del dottorato di ricerca avviato presso la sede di Brescia, i cui iscritti sono già al lavoro sui documenti ora disponibili; Gabriele Archetti della stessa Università, presidente del Centro Studi Longobardi, impegnato ad indagare tra gli altri, la figura del fondatore del monastero della Bassa; Fabio Saggioro, archeologo dell’Università di Verona, pronto con i suoi studenti a riprendere l’attività di scavo sul sito del monastero, avendo uno strumento in più, quella delle preziose notizie ricavabili dai documenti circa l’assetto delle strutture di servizio intorno al monastero; Ezio Barbieri della Scuola di Archivistica paleografia e diplomatica degli Archivi di Stato di Milano e Parma, che ha coordinato e sostenuto il lavoro della curatrice del volume; Claudio Baroni, editorialista del Giornale di Brescia, attento a cogliere e interpretare le preziose novità che l’attività di ricerca mette in luce nella vasta area della Bassa.

Porteranno il loro saluto, oltre al presidente della Fondazione Dominato Leonense Vittorio Biemmi e, a testimoniare il continuo sostegno alle attività, il presidente di Cassa Padana Romano Bettinsoli, l’Abate di Leno Renato Tononi e il sindaco Cristina Tedaldi.
Il presidente della Fondazione Civiltà Bresciana Mario Gorlani e il Soprintendente Luca Rinaldi testimonieranno la stretta attività di collaborazione nel coordinare il lavoro di archeologi, paleografi e storici nell’impegnativo programma di scoperta e ricostruzione della storia millenaria del monastero voluto da re Desiderio, che consentirà di riscrivere la storia bresciana e non solo.
Lo testimonierà anche l’intervento del decano dei medievisti italiani, Aldo Settia, che ha esaminato i documenti leonensi, fornendo nel lungo saggio introduttivo al volume un prezioso anticipo delle straordinarie novità emerse.
La conclusione dei lavori è affidata a Stefano Bruno Galli assessore alla cultura della Regione Lombardia.
Informazioni: Fondazione Dominato Leonense tel.: 3316415475 mail: info@fondazionedominatoleonene.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.