Quantcast

Attacco nucleare, esercitazione bellica a Ghedi

Nella base militare aeronautica del Sesto stormo l' operazione di simulazione bellica della Nato, denominata "Steadfast Noon".

(red.) Si chiama “Steadfast Noon”, l’esercitazione Nato che si sta svolgendo alla base bresciana di Ghedi, una delle sei in Europa, in cui si trovano bombe tattiche nucleari a caduta B61 di proprietà degli Stati Uniti d’America, così come prevedono gli accordi dell’Alleanza Atlantica. A Ghedi ne sarebbero custodite una quindicina.

Si tratta di una simulazione di impiego bellico che, a rotazione, annualmente, viene svolta in una delle sei basi europee: quest’anno, dal 18 ottobre, sono interessate quelle italiane di Ghedi e di Aviano. Le altre si trovano in Germania (base di Büchel), Turchia (Incirlik), Belgio (Kleine Brogel) e Olanda
(Volkel).

Nella simulazione bellica che si sta svolgendo nella base bresciana, i Diavoli Rossi del 6° Stormo si “allenano” con i caccia F16 olandesi ed i Tornado Ids tedeschi.

Un’attività che ha visto, in questi ultimi giorni, il cielo bresciano solcato da diversi aerei con l’obiettivo di assicurare che il ” ‘deterrente nucleare’ della Nato sia protetto, sicuro ed efficiente”.
Un’ esercitazione che serve anche per sondare il livello di preparazione degli addetti, di affiatamento con gli altri gruppi analoghi dislocati nel Vecchio Continente, per verificare la conoscenza delle procedure e l’efficienza dei reparti coinvolti.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.