Quantcast

Seniga, maxi furto di arnie di api a un apicoltore: via 100 mila

E' l'ultimo pesante colpo in provincia dopo quelli avvenuti nella bassa e in Franciacorta. Forse una maxi ricettazione.

Più informazioni su

(red.) Questo è un periodo nero per chi possiede allevamenti di api anche in provincia di Brescia. Come dà riporta Bresciaoggi, nei giorni precedenti a mercoledì 21 aprile un apicoltore di Seniga, nella bassa, si è visto rubare delle arnie con un totale di 100 mila di questi insetti. Ma non solo nella bassa bresciana, perché anche in Franciacorta si è registrata una razzia simile a Erbusco.

Senza dimenticare che la scorsa estate del 2020, a causa degli antiparassitari, ma anche del clima, milioni di api erano morte nella bassa bresciana tra Villachiara, Borgo San Giacomo e la vicina provincia di Cremona. Dietro i furti, già avvenuti anche a San Gallo di Botticino, San Paolo e Azzano Mella, ci sarebbe qualcuno che commissiona e si paventa l’idea di una maxi ricettazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.