Quantcast

Ghedi, 500 in piazza dalla bassa bresciana con le richieste di riaprire

L'appuntamento di ieri a Ghedi ha chiuso una settimana di proteste che ha coinvolto anche tutta la provincia.

(red.) Nella giornata di ieri, domenica 11 aprile, a Ghedi, nella bassa bresciana, si è chiusa una settimana di proteste, che hanno coinvolto appunto anche l’intero territorio bresciano, sul fronte delle richieste di riaprire in sicurezza e contro le misure sanitarie anti-Covid. In 500, nonostante la pioggia, si sono ritrovati in piazza Trento e provenendo da una decina di paesi della Bassa, alcuni anche con sindaci e assessori al Commercio.

All’insegna dello slogan #AdessoBasta, l’Associazione dei Commercianti di Ghedi ha fatto da apripista alla manifestazione di protesta. Che ha coinvolto anche rappresentanti della cultura e della scuola, seppure da oggi, lunedì 12 aprile, con la zona arancione, si possa tornare in presenza tra i banchi fino alle superiori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.