Montichiari, molesto con chi andava al supermercato: chiesta condanna

Ieri l'udienza in cui l'accusa ha chiesto un anno e due mesi per il giovane gambiano per i suoi comportamenti.

(red.) Nella giornata di ieri, venerdì 26 marzo, in tribunale a Brescia, l’accusa ha chiesto una condanna a un anno e due mesi di reclusione nei confronti di un giovane gambiano di 28 anni, richiedente asilo, che si era mostrato molesto con il suo comportamento nei confronti di chi accedeva al supermercato. Teatro di queste segnalazioni era stato Montichiari, nella bassa bresciana, dove il giovane continuava con insistenza a chiedere dei soldi.

Un atteggiamento che in un’occasione, nel 2018, aveva dovuto far intervenire sul posto gli agenti della Polizia locale. In quel caso il 28enne si era scagliato contro gli operatori e fornendo un nome falso. Ma addosso aveva documenti che mostravano come fosse un richiedente asilo. Era stato quindi denunciato per accattonaggio molesto, resistenza e false dichiarazioni. Il prossimo luglio attende la sentenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.