Carpenedolo, appalti pilotati: chiesto processo per 16 imputati

Ieri l'udienza preliminare e il giudice deciderà il 22 marzo. Nel mirino lavori effettuati tra il 2017 e il 2019.

(red.) Nelle ore precedenti a mercoledì 3 marzo in tribunale a Brescia si è svolta un’udienza preliminare nell’ambito di un procedimento seguito a un’inchiesta per presunti appalti pilotati a Carpenedolo, nella bassa bresciana. In particolare, cantieri in piazza Europa, per realizzare il supermercato Conad e anche per la manutenzione del verde. Sono sedici gli accusati per i quali il magistrato ha chiesto il processo e sul quale il giudice deciderà il 22 marzo.

Le opere per le cui modalità sono finite sotto i riflettori erano state realizzate tra la fine del 2017 e il 2019. Si fa riferimento al fatto che gli appalti sarebbero stati pilotati verso aziende amiche e in subappalto ad altre imprese con la presunta compiacenza del Comune. Tutti gli imputati sono accusati di turbata libertà degli incanti, rivelazione dei segreti di ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, falso in atto pubblico, favoreggiamento personale e violazione del testo unico sull’edilizia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.