Ghedi, artigiano positivo al Covid continua a lavorare: denunciato

Il titolare raggiungeva la sua officina come se nulla fosse violando la quarantena. In azienda altri due addetti.

(red.) Nelle ore precedenti a giovedì 18 febbraio un artigiano residente a Ghedi, nella bassa bresciana, è finito nei guai per opera della Polizia locale che aveva raggiunto la sua azienda per uno dei consueti controlli sul territorio. Così si è scoperto che proprio il titolare era positivo al Covid-19 e quindi soggetto alla quarantena. Ma nonostante questo continuava a lavorare nella propria attività anche in presenza di altri due dipendenti.

E non solo, perché l’artigiano operava senza indossare alcun tipo di dispositivo di protezione individuale. Di fronte alla richiesta della municipale per quel tipo di comportamento, l’artigiano ha rivelato di essere disinteressato alla pandemia in corso. Per questo motivo è stato denunciato a piede libero per aver violato la quarantena, mentre l’Ispettorato del Lavoro, al quale è stato segnalato il caso, potrebbe occuparsi di valutare lo stato igienico dell’azienda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.