Calvisano, cani senza microchip in cascina: proprietario multato

Intervento di Fare Ambiente e Legambiente Brescia: 9 degli 11 animali erano "fantasmi" all'anagrafe canina.

(red.) Nelle ore precedenti a mercoledì 17 febbraio le guardie ecozoofile del gruppo Fare Ambiente con un veterinario messo a disposizione da Legambiente di Brescia hanno raggiunto una cascina a Calvisano, nella bassa bresciana. Qui era presente un allevamento formato da undici cani, ma nove di questi non avevano il microchip di riconoscimento e di fatto risultavano “fantasmi” all’anagrafe canina.

Del blitz dà notizia Bresciaoggi sottolineando anche il fatto che i locali che ospitavano i cani non erano in buone condizioni dal punto di vista igienico e sanitario. Per questo motivo il proprietario, poi rintracciato, è stato sanzionato con 750 euro e dovrà anche mettere in regola tutti gli animali dotandoli del microchip.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.