Feste private e aperitivo dopo le 18, carabinieri in azione nella Bassa

A Quinzano e Offlaga assembramenti in un magazzino e in un appartamento. A Villachiara chiuso un bar.

(red.) Se l’andamento dei contagi nel territorio bresciano aumenta più di altre province in Lombardia è anche perché ci sono molti che, in sfregio alle restrizioni sanitarie da rispettare, organizzano feste private vietate o per i locali che servono dopo le 18. Situazioni di questo genere sono emerse nel fine settimana appena trascorso, tra sabato 13 e domenica 14 febbraio, nella bassa bresciana.

E in tutti i casi a muoversi sono stati i carabinieri della compagnia di Verolanuova. In particolare, le loro destinazioni sono state Quinzano, Offlaga e Villachiara. Nel primo paese, a Quinzano, i militari si sono mossi dopo che da un magazzino provenivano la musica e schiamazzi di alcuni giovani che si stavano divertendo nel festeggiare un compleanno.

Nei loro confronti sono scattate le multe da 400 euro ciascuno. Stesso importo anche per una decina di persone che si trovavano in un appartamento in festa a Offlaga. Infine, un bar di Villachiara è stato chiuso per cinque giorni, oltre alla sanzione a carico di alcuni clienti e dei titolari, sorpresi a servire nonostante fossero passate le 18.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.