Pavone Mella, anziana truffata con la scusa del figlio coinvolto in incidente

Ieri mattina l'ennesimo episodio di raggiro ai danni di una signora. Scoperto l'inghippo, ha poi denunciato.

(red.) Ieri mattina, mercoledì 10 febbraio, un’anziana residente a Pavone Mella, nella bassa bresciana, è rimasta vittima di una delle diverse versioni delle truffe che purtroppo spesso vengono messe in atto. E’ successo, come riporta il Giornale di Brescia, nel momento in cui la donna ha ricevuto la telefonata da parte di una persona che si definiva avvocato informandola del fatto che il figlio sarebbe stato coinvolto in un incidente stradale di cui sarebbe stato responsabile e che rischiava di finire in carcere.

Per rimediare, la finta legale ha chiesto all’anziana del denaro o dei gioielli che questa avrebbe dovuto consegnare a un finto carabiniere. Tutto è proceduto per il meglio, purtroppo, a favore dei malviventi dopo che all’abitazione dell’anziana si è presentato il falso militare. A lui la donna ha consegnato i preziosi. Solo nel corso della giornata ha scoperto di essere stata raggirata e ha così denunciato l’episodio ai carabinieri, quelli veri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.