Coronavirus, Capriano a rischio zona rossa. A Molinetto scuola in Dad

A Capriano 46 casi positivi in una settimana, maggioranza di 40enni. A Molinetto da oggi solo lezioni a distanza.

(red.) Il territorio della provincia di Brescia sta affrontando una situazione particolare in questi primi giorni di febbraio dal punto di vista della diffusione del contagio da Covid-19. Non a caso nel bollettino quotidiano diffuso dalla Regione Lombardia ogni giorno, la nostra provincia si pone sempre al secondo posto e addirittura in alcuni casi anche al primo, sopra Milano. Il timore riguarda le varianti, in particolare quella inglese, che è già stata isolata a Corzano, diventato un caso nazionale, ma anche oltre, per il 10% della popolazione che si è contagiata nell’arco di pochi giorni.

E al momento se proprio a Corzano la situazione sta decisamente migliorando, continuano a preoccupare invece Castrezzato e, da ultimo, anche Capriano del Colle. Quanto sta accadendo a Corzano e Castrezzato ha portato i Comuni ad attivare una serie di misure tra scuole chiuse e parchi non accessibili. Questo, in modo simile anche a quanto fatto da Leno con un’ordinanza dedicata. L’altra evoluzione che sta preoccupando, come detto, è quella di Capriano. Qui nell’arco di una settimana si sono registrati 46 casi positivi ponendo il paese tra i primi per incidenza rispetto alla popolazione.

Ma la preoccupazione riguarda il fatto che si tratta soprattutto di persone tra i 40 e i 50 anni. La sensazione avvertita dal Comune è che molti non rispettino le misure e precauzioni ormai già note e per questo motivo sono stati annunciati più controlli e non è escluso che, d’intesa con la Regione e l’Ats, venga attuata una zona rossa. Sul fronte del contagio a scuola, invece, un’altra situazione particolare arriva da Molinetto di Mazzano dove già alcune classi di una scuola erano in quarantena. Succede alla “Cesare Abba” dove era stato attuato l’isolamento domiciliare per quasi un quinto delle classi. Dopo l’emersione di nuovi casi positivi tra studenti e insegnanti il Comune ha deciso di far proseguire da oggi, mercoledì 10 e fino al 16 febbraio l’intero istituto solo con la didattica a distanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.