Coronavirus a Brescia, si monitorano i casi Corzano, Prevalle e Castrezzato

A Corzano verso normalità, così come a Prevalle. A Castrezzato resta preoccupazione: circola variante inglese.

(red.) In provincia di Brescia ci sono tre Comuni che vengono attentamente monitorati dalle autorità sanitarie sul fronte del contagio da Covid-19 tra la fine di gennaio e questi primi giorni di febbraio. Su tutti, ovviamente, c’è Corzano, nella bassa, dove si sono registrati 139 positivi su una popolazione di 1.400 abitanti, quindi un decimo. Tanto che Corzano ha assunto il pessimo primato di primo paese italiano con focolaio da variante inglese. Infatti, analizzando una serie di tamponi è emerso come il boom delle nuove infezioni sia emerso a causa della circolazione della variante più contagiosa.

Al momento per fortuna la situazione sta migliorando, visto che nei primi giorni di febbraio i nuovi casi positivi sono stati solo un paio. E questo grazie al fatto che la chiusura delle scuole e l’immediato isolamento dei coinvolti ha portato a ridurre drasticamente la diffusione. Tutti i soggetti positivi sono asintomatici, a parte un anziano ricoverato all’ospedale Mellini di Chiari. Tuttavia, si sta respirando qualche motivo di preoccupazione anche nella vicina Pompiano dove arrivano una serie di studenti proprio da Corzano, ma al momento la situazione è tranquilla.

Un altro contesto preoccupante, ma in stabilizzazione, è quello di Prevalle dove un focolaio aveva interessato una scuola. Infine, al momento un altro che sta dando dei grattacapi è Castrezzato. L’Ats di Brescia ha confermato che in paese circola la variante inglese del virus e che ha provocato oltre 100 nuovi positivi nell’arco di due settimane. Tanto da portare il Comune a disporre una serie di misure, a partire dalla chiusura delle scuole. Proprio sul caso Castrezzato è in programma un incontro lunedì 8 febbraio con la prefettura di Brescia per un’evoluzione della situazione. Dal punto di vista di questi focolai, dall’Agenzia di tutela della salute di Brescia sottolineano come siano riconducibili soprattutto ai contesti familiari e in alcuni casi anche alla scuola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.