Cigole, rintracciato il “pirata” dell’investimento del ciclista a Ghedi

Il 40enne è stato denunciato per omissione di soccorso e si vedrà anche sospendere la patente dalla prefettura.

(red.) I dati della targa raccolti da un testimone sulla strada e le telecamere di videosorveglianza lungo la carreggiata hanno consentito agli agenti della Polizia locale di risolvere in poco tempo l’incidente provocato dal pirata della strada lunedì pomeriggio 1 febbraio a Ghedi, nella bassa bresciana. Era successo nel momento in cui un 58enne di Leno alle prese con una seduta di allenamento in bicicletta era stato investito da una Peugeot azzurra.

E questa non si era fermata per prestare assistenza, ma aveva proseguito la corsa. Ieri il ciclista è stato dimesso dall’ospedale di Manerbio, mentre nelle stesse ore gli agenti della municipale sono riusciti a risolvere il caso. Hanno raggiunto l’abitazione dell’uomo, un 40enne di Cigole, che in quel momento non era in casa.

In seguito hanno trovato l’auto incriminata che presentava dei segni riconducibili all’investimento. E il conducente non ha potuto fare altro che ammettere tutto. Regolare dal punto di vista del veicolo e della patente, è stato denunciato per omissione di soccorso e si vedrà sospendere la patente dalla prefettura di Brescia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.