I Verdi: “Pronti a costiturci parte civile contro gli inquinatori del Lussignolo”

Una schiuma bianca, corposa, densa che galleggia sulla superficie del Lussignolo, corso d’acqua che attraversa Verolanuova (che si collega poi allo Strone che a sua volta si getta nell’Oglio).“Ancora una volta ci troviamo di  fronte all’ ennesimo caso di inquinamento ambientale”, si legge in una nota della federazione dei Verdi-Europa Verde Brescia che, con il coordinamento provinciale, “auspica che si faccia piena luce sulla vicenda di questo ennesimo inquinamento. Inoltre confidiamo che chi ha commesso questa azione criminale contro l’ ambiente, l’ecosistema e la salute dei cittadini paghi in modo ‘esemplare’: per questo chiediamo alle autorità competenti affinché si faccia il possibile per individuare e assicurare alla giustizia i responsabili”.

“La nuova legge (68/2015) sugli ecoreati, infatti, ha introdotto quello di disastro ambientale che prevede la reclusione da 5 a 15 anni di reclusione”, proseguono i Verdi. “Auspichiamo che vengano svolte in tempi rapidi indagini puntuali su quanto accaduto e laddove si dovessero riscontrare profili penali che hanno rischiato di compromettere la salute dei cittadini, la Federazione dei Verdi -Europa Verde Brescia di Brescia è pronta a costituirsi parte civile in un eventuale procedimento giudiziario”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.