Farmaco letale su due pazienti Covid, arrestato primario Ps di Montichiari

Le vittime, di 61 e 80 anni, sono morte nell'ospedale bresciano a marzo. Stamattina sono scattati i domiciliari.

(red.) Con il passare delle ore questa mattina, lunedì 25 gennaio, sono emersi altri dettagli sull’arresto a carico di un medico bresciano che avrebbe somministrato un farmaco poi letale su due pazienti affetti dal Covid-19 lo scorso marzo, all’inizio della prima ondata della pandemia sanitaria. Il professionista arrestato è il primario di pronto soccorso dell’ospedale di Montichiari Carlo Mosca.

L’uomo da questa mattina si trova ai domiciliari che i carabinieri del Nas di Brescia gli hanno notificato su richiesta al giudice ottenuta dalla procura. I pazienti deceduti sui quali si sono accesi i riflettori avevano 61 e 80 anni e sono morti lo scorso marzo all’ospedale di Montichiari.

Le autopsie effettuate nel periodo successivo avrebbero mostrato la presenza del farmaco anestetico che sarebbe stato somministrato in modo intenzionale sui due pazienti affetti da Covid. Il professionista è agli arresti domiciliari con l’accusa di omicidio volontario.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.