Mancato rispetto misure anti-Covid, chiusure a Montichiari e Soiano

Nella bassa chiuso un ristorante: all'interno mangiavano operai. Sul Garda assembramento fuori da un locale.

(red.) Dalla bassa bresciana al lago di Garda non si fermano gli episodi che portano le forze dell’ordine locali a imporre delle sanzioni per il mancato rispetto delle misure anti-Covid. Le ultime segnalazioni di questo genere arrivano da Montichiari e da Soiano del Lago. Nella cittadina della bassa la Polizia locale si è mossa verso un ristorante della frazione di Borgosotto dove all’interno c’erano cinque operai intenti a consumare i loro pasti seduti ai tavoli.

Ma è vietato – è consentito solo il servizio d’asporto e a domicilio – e per questo motivo i clienti irregolari sono stati sanzionati con 280 euro ciascuno, mentre il ristorante è stato chiuso per cinque giorni. A Soiano, invece, è finito nel mirino un bar.

Ieri, venerdì 22 gennaio, la municipale ha notato un assembramento di clienti all’esterno del locale e consumando aperitivi nonostante i divieti. Gli stessi avventori sono riusciti ad allontanarsi e ad evitare la multa, ma non i titolari che hanno ricevuto una multa da 400 euro, oltre alla chiusura del locale per cinque giorni perché recidivo. La prefettura potrebbe disporre una chiusura più prolungata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.