Orzinuovi, marito ubriaco e drogato violento con la moglie: a processo

Il 2 febbraio un operaio sarà alla sbarra con le accuse di essere stato violento con la moglie e in presenza del figlio.

(red.) Dal prossimo 2 febbraio un operaio di 47 anni sarà alla sbarra al tribunale di Brescia per le accuse di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale ai danni della moglie. A fare da sfondo a questa situazione è stata un’abitazione di Orzinuovi, nella bassa bresciana, dove l’uomo si sarebbe spesso presentato ubriaco e drogato picchiando la compagna e in presenza del figlio.

In diverse occasioni avrebbe anche costretto la donna a rapporti sessuali. Questi episodi, mai denunciati inizialmente dalla vittima per paura, si sarebbero consumati per diverso tempo, già partendo dal 2006 e poi con la violenza sessuale dal 2018. Un’escalation che aveva poi portato nel novembre del 2019 la donna a presentarsi ai carabinieri per denunciare quanto aveva subito.

Ai militari la presunta vittima aveva detto che l’uomo pretendeva da lei il denaro per bere o comprare droga. E in caso di rifiuto sarebbe stata la miccia per nuove violenze. L’uomo è stato allontanato da casa e con il divieto di avvicinamento alla famiglia. Ora andrà a processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.