Delitto di Mailat a Milzano, il marito va a processo abbreviato

Gianluca Lupi sarà in aula dal prossimo 22 febbraio. Nel maggio del 2019 uccise la moglie a coltellate.

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 13 gennaio, in tribunale a Brescia si è svolta l’udienza preliminare nell’ambito di un procedimento per l’uccisione di Zsusanna Mailat, la donna di 39 anni vittima di quattro coltellate inferte dal marito nel maggio del 2019. E lo stesso marito Gianluca Lupi, 42enne che abitava con la donna e i tre figli a Milzano, nella bassa bresciana, ha chiesto e ottenuto di essere processato con il rito abbreviato, quindi, in caso di condanna, con la possibilità dello sconto di un terzo della pena.

L’uomo, che sarà in aula dal prossimo 22 febbraio, è accusato di omicidio aggravato dai motivi futili, vincolo di convivenza e per aver ucciso la consorte davanti alla figlia più grande, la stessa che aveva lanciato l’allarme. Secondo la ricostruzione, la gelosia avrebbe spinto l’uomo a brandire il coltello contro la donna che non voleva potesse congiungersi con qualcun altro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.