Montichiari, bar in piazza Duomo impugna sanzione su slot e vince

Il tribunale dà ragione al privato che si era visto comminare una sanzione da 20 mila euro da parte del Comune.

(red.) Non solo non dovrà spendere 20 mila euro di sanzione, ma incasserà anche 7 mila euro dal Comune come spese legali. Succede a Montichiari, nella bassa bresciana, dove come dà notizia Bresciaoggi, il tribunale civile di Brescia ha dato ragione al locale che si era opposto alla maxi multa per la presenza di slot machine.

Come è noto, dallo scorso 2013 in Lombardia è vigente una legge che impedisce di installare macchinette del gioco d’azzardo entro i 500 metri di distanza dai luoghi sensibili. Di fronte a questa legge, che il Comune ha recepito in un proprio regolamento, la stessa amministrazione aveva emesso un’ordinanza di ingiunzione per una multa da 20 mila a carico del locale a poca distanza dal Duomo e che aveva installato delle slot machine.

Ma il titolare del bar aveva impugnato la sanzione e il tribunale gli ha dato ragione, condannando il Comune a pagare le spese legali. Il ricorso del privato faceva riferimento alla presunta non costituzionalità della norma regionale. Ora si attendono le motivazioni alla sentenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.