A21, auto sbanda e si ribalta: due le vittime e due 24enni in ospedale

Giovedì alle 23, un uomo e una donna di origine rumena residenti a Cremona hanno perso la vita. Due ragazze ricoverate a Brescia.

(red.) Nella tarda serata di giovedì 17 dicembre si è consumato un tragico incidente sull’autostrada A21 all’altezza di San Gervasio Bresciano e in direzione di Brescia città. E’ successo intorno alle 23 quando un’auto con a bordo quattro persone ha cappottato mentre percorreva la strada. E il bilancio è pesantissimo, con due vittime e altri due occupanti del veicolo ricoverati negli ospedali.
Una Citroen Saxo con a bordo quattro persone, tutte di nazionalità rumena e residenti a Cremona è uscita di carreggiata e dopo aver urtato il guardrail e si è ribaltata. Nello schianto hanno perso la vita il conducente, S.M., 32 anni e a M.B., la donna 33enne che viaggiava al suo fianco. Entrambi sono deceduti sul colpo. Hanno riportato ferite gravi R.F., e S.M, le due ragazze 24enni che si trovavano sul sedile posteriore.
Tutti i dettagli dell’incidente sono al vaglio della Polizia stradale di Montichiari che ha raggiunto il posto in un vasto schieramento di soccorsi.

Secondo le prime informazioni, per cause da accertare, il conducente della Citroen avrebbe perso il controllo dell’auto iniziando a sbandare. Subito dopo la vettura è finita contro il guardrail che separa le carreggiate e infine si è ribalta su un fianco. Anche da parte dei pochi altri automobilisti che stavano percorrendo l’autostrada – alle 22 scatta il coprifuoco – è partita la chiamata con la richiesta di soccorsi.

Sul posto sono arrivate due automediche da Brescia e Cremona, altre quattro ambulanze, l’elicottero abilitato al servizio notturno decollato da Brescia e i vigili del fuoco. Per l’uomo e la donna non c’è stato nulla da fare e sono morti sul colpo. Le altre due occupanti sono state trasportate alla Poliambulanza e all’ospedale Civile di Brescia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.