Manerbio e Pontevico, cimiteri nel mirino dei ladri nel weekend

Fiori, sottovasi, rosari e piccoli ricordi spariti da alcune lapidi. Via una corona di fiori subito dopo un funerale.

(red.) Sono atti ignobili e privi di alcuna sensibilità quelli che portano a finire nel mirino i cimiteri, tra fiori e ricordi posti sulle lapidi e che spariscono per opera di gente senza scrupoli. Episodi di questo genere, come dà notizia il Giornale di Brescia, sono avvenuti anche nel fine settimana appena trascorso, tra sabato 21 e ieri, domenica 22 novembre.

Ad essere colpiti sono stati i campi santi di Pontevico e Manerbio, nella bassa bresciana. E in molti casi si parla di fiori, sottovasi e piccoli ricordi scomparsi e di fronte ai quali i visitatori non possono che restare indignati. A Pontevico, per esempio, indaga la Polizia locale dopo le segnalazioni di continue sparizioni dal cimitero.

Ma qui in paese si sono verificati anche diversi atti di vandalismo ai danni di alcuni luoghi sacri e persino del campo santo. Ancora più riprovevoli gli episodi che hanno interessato il cimitero di Manerbio dove sono stati rubati anche dei rosari. E c’è persino chi si è visto portare via una corona di fiori nelle ore intorno alla celebrazione del funerale di una defunta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.