Calvisano, a scuola certificazioni false per non fare i tamponi Covid

Si parla di una decina di casi, ma forse ce ne sono altri di più. E il Comune chiede maggiore responsabilità.

(red.) E’ un caso che potrebbe essere preoccupante, vista la dinamica, ma tutto da valutare quello di cui dà notizia Bresciaoggi. Si parla di autocertificazioni false consegnate da alcuni studenti all’istituto comprensivo di Calvisano, nella bassa bresciana, per poter rientrare a scuola dopo aver accusato dei leggeri sintomi. Quelli sospetti e legati al Covid-19 che hanno indotto gli studenti interessati a rivolgersi alla pediatra di fiducia.

E la stessa professionista ha invitato i giovanissimi assistiti a farsi sottoporre il tampone. Al contrario, sembra che alcune famiglie, rifiutando quel test diagnostico, abbiano falsificato quelle attestazioni poi consegnate a scuola. E il caso è emerso in seguito, portando l’amministrazione comunale a chiedere più responsabilità. Da valutare eventuali provvedimenti a carico dei genitori per aver reso dichiarazioni false.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.