Alfianello, aggredito e derubato in casa: spedizione punitiva?

I due malviventi, già identificati, conoscevano la loro vittima. Ma i carabinieri indagano per vederci chiaro.

(red.) Dall’altra sera, da lunedì 26 ottobre, i carabinieri bresciani della compagnia di Verolanuova stanno indagando per quanto accaduto ai danni di un cittadino indiano di 40 anni ad Alfianello, nella bassa bresciana. Proprio l’uomo, residente in via Mazzini, ha raccontato ai militari di essere stato aggredito in casa nella prima serata e di essersi visto portare via una catenina d’oro. A colpire sarebbero stati due malviventi, connazionali della vittima, già identificati e che potrebbero dire molto altro rispetto a quanto è successo.

Ma proprio su questo fronte le forze dell’ordine vogliono accertare anche la posizione dell’aggredito. Il fatto che nell’abitazione fosse tutto in ordine fa pensare che i ladri fossero interessati a una cosa precisa e che il padrone di casa avrebbe loro aperto. Infatti, gli stessi malviventi hanno ammesso di conoscere l’uomo, ma non di averlo aggredito.

Tuttavia, il 40enne presentava vistose ferite al volto. E si sta cercando di capire se i due aggressori, residenti a Pontevico e Borgo San Giacomo e che al momento non hanno incassato alcun provvedimento, abbiano messo in atto una spedizione punitiva nei confronti del connazionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.